Lodi, le dimissioni di Claudio Samarati e Damiano Gritti

Erano entrati nell’occhio del ciclone lo scorso mese di ottobre nell’ambito dell’inchiesta soprannominata "Rifiutopoli": si tratta di Claudio Samarati e Damiano Gritti, rispettivamente dirigente del settore ambiente dell’ente e responsabile del servizio rifiuti, arrestati nell’ottobre scorso nell’ambito dell’ "operazione Gerione", la maxinchiesta della procura di Lodi sull’ipotesi di smaltimento illecito di rifiuti pericolosi nei terreni di ripristino di diverse cave. Gritti lavorava come dipendente della Provincia, Samarati come consulente.Ebbene: i due ora si sono dimessi dalle loro mansioni. La conferma è arrivata da palazzo san Cristoforo.

Radio Sound